La notte dei desideri

La notte dei desideri

 

Passando ore al giorno sui mezzi pubblici o viaggiando in treno, ascoltando le chiacchiere di molti impiegati quarantenni in pausa pranzo o di pur giovanissimi studenti con il vocabolario di latino sottobraccio all’uscita da scuola, ci si accorge di quanto avesse visto lungo il nostro GKC:

 

«Il caos attuale è dovuto a una generale dimenticanza di tutto ciò a cui originariamente gli uomini aspiravano. Nessun uomo domanda più ciò che desidera, ogni uomo chiede quello che si figura di poter ottenere. E rapidamente la gente si dimentica ciò che l’uomo voleva davvero in principio; e dopo una vita politica vivace e di successo, un uomo dimentica se stesso. Il tutto diventa uno stravagante tumulto di seconde scelte, un pandemonio di ripieghi».

(Gilbert Keith Chesterton, Cosa c’è di sbagliato nel mondo)

 

La notte dei desideriultima modifica: 2011-03-30T10:48:00+00:00da osteriavolante
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento